SEPARAZIONE-DIVORZIO.COM
Divorzio e separazione

AFFIDAMENTO CONDIVISO
L'assegnazione della casa coniugale e prescrizioni in tema di residenza

L'art. 155-quater del codice civile stabilisce che il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli.

Dell'assegnazione il giudice tiene pure conto nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerato l'eventuale titolo di proprietà.

Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l'assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio.

Il provvedimento di assegnazione e quello di revoca sono trascrivibili e opponibili a terzi ai sensi dell'articolo 2643.

Nel caso in cui uno dei coniugi cambi la residenza o il domicilio, l'altro coniuge può chiedere, se il mutamento interferisce con le modalità dell'affidamento, la ridefinizione degli accordi o dei provvedimenti adottati, ivi compresi quelli economici.

« Torna all'indice sull'affidamento condiviso

Data: 11.02.2006
Autore: Avv. ANDREA TOTÒ