separazione e divorzio / logo separazione e divorzio / scritta logo

Separazione-divorzio.com

Il nome "Andrea" non pu´┐Ż essere attribuito ad un minore di sesso femminile

Il Tribunale di Catanzaro, con decreto del 14 aprile 2009 (Pres. A. N. Filardo ´┐Ż est. G. Gioia), ha stabilito che il nome "Andrea" non pu´┐Ż essere attribuito ad un minore di sesso femminile.

La corte ha precisato che il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso e che, diversamente da molti altri paesi pure appartenenti all'UE, in Italia il nome "Andrea" ´┐Ż attribuito per tradizione (e per significato etimologico) esclusivamente per i minori di sesso maschile.

Gli artt. 95 e ss. del d.P.R. 396/2000 prevedono due distinti procedimenti modificativi degli atti dello Stato civile: la rettifica nei casi in cui l' atto non sia conforme alla realt´┐Ż naturale e giuridica in modo tale che ne sia alterato lo stato della persona; la correzione, invece, quando si tratta di rimediare ad un mero errore materiale dell' atto, tale da non incidere sullo stato della persona. Nel caso di specie, la modifica richiesta incide sul ´┐Żsesso´┐Ż e sul ´┐Żnome´┐Ż, segno ricognitivo della identit´┐Ż della persona fisica. Si richiede, perci´┐Ż, rettificazione (cfr. anche Circolare del Ministero della Giustizia del 16 marzo 2001, n. 1827).

Pertanto, lo Stato pu´┐Ż intervenire per procedere a rettifica, ove la scelta dei genitori non corrisponda all´┐Żinteresse del minore ed, anzi, sia idonea ad arrecargli pregiudizio ed esporlo a derisione.

Data: 22.04.2009
Autore: Avv. ANDREA TOTÒ

<< Articoli e News
©2003-2021 Separazione-divorzio.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3C Validato CSS Validato