SEPARAZIONE-DIVORZIO.COM
Divorzio e separazione

Sentenze - Trattamento di fine rapporto (TFR)


« Torna alla pagina della giurisprudenza
Divorzio - IndennitÓ di fine rapporto - Spettanza della quota all'altro coniuge - Presupposti - Rilevanza del momento di maturazione del diritto - Sussiste. (Legge 898/1970, articolo 12-bis)
Il diritto alla quota dell'indennitÓ di fine rapporto dell'altro coniuge, anche quando tale indennitÓ sia maturata prima della sentenza di divorzio, richiamato dall'articolo 12-bis della legge 898/1970, va interpretato nel senso che tale diritto sorge soltanto se il trattamento spettante all'altro coniuge sia maturato successivamente alla proposizione della domanda introduttiva del giudizio di divorzio, e quindi anche prima della sentenza di divorzio, e non anche se esso sia maturato e sia stato percepito in data anteriore, come in pendenza del giudizio di separazione, potendo in tal caso la riscossione dell'indennitÓ incidere solo sulla situazione economica del coniuge tenuto a corrispondere l'assegno ovvero legittimare una modifica delle condizioni di separazione. Nell'ipotesi in cui l'indennitÓ sia maturata in costanza di matrimonio, la stessa deve ritenersi normalmente utilizzata per i bisogni della famiglia, e nella parte in cui residua al momento della separazione costituisce elemento idoneo a determinare le condizioni economiche del coniuge obbligato e a incidere sulla quantificazione dell'assegno, mentre se matura in pendenza del giudizio di separazione resta operante il principio di piena disponibilitÓ delle attribuzioni patrimoniali da parte del destinatario, nel rispetto delle norme generali fissate dall'ordinamento, salva la necessitÓ di valutazione di tale attribuzione in sede di assetto economico della separazione.
Cass. Sezione I, sentenza 29 settembre 2005 n. 19046 (in Guida al Diritto, Edizione n. 44 del 12 novembre 2005, pagina 61)
« Torna alla pagina della giurisprudenza