separazione e divorzio / logo separazione e divorzio / scritta logo

Separazione-divorzio.com

I criteri per stabilire l'assego di divorzio in base alla sentenza della Cassazione civile, Sezioni Unite dell'11/07/2018 n. 18287

I nuovi criteri per stabilire l'importo dell'assegno divorzile alla luce della sentenza del 11/07/2018 n. 18287 della Cassazione Civile a Sezioni Unite: l'abbandono del criterio del tenore di vita

determinazione dell'assegno di mantenimentonel divorzio La recente e importante sentenza della Cassazione civile, Sezioni Unite, n. 18287 del 11/07/2018 ha risolto i numerosi conflitti interpretativi in merito ai criteri per la determinazione del contributo al mantenimento e stabilito che per la detrminazione dell'assegno divorzile dovrà farsi ricorso ad una serie composita di criteri.

La Corte ha infatti enunciato il seguente principio "Ai sensi dell'art. 5 c.6 della I. n. 898 del 1970 [...] il riconoscimento dell'assegno di divorzio, cui deve attribuirsi una funzione assistenziale ed in pari misura compensativa e perequativa, richiede l'accertamento dell'inadeguatezza dei mezzi o comunque dell'impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive, attraverso l'applicazione dei criteri di cui alla prima parte della norma i quali costituiscono il parametro di cui si deve tenere conto per la relativa attribuzione e determinazione, ed in particolare, alla luce della valutazione comparativa delle condizioni economico-patrimoniali delle parti, in considerazione del contributo fornito dal richiedente alla conduzione della vita familiare e alla formazione del patrimonio comune e personale di ciascuno degli ex coniugi, in relazione alla durata del matrimonio e all'età dell'avente diritto".

Pertanto, nello stabilire la misura del contributo al mantenimento per il coniuge divorziato, il Giudice dovrà in primis stabilire se in richiedente non abbia mezzi adeguati a fargli mantenere un tenore di vita simile a quello goduto in costanza di matrimonio, e se sia impossibile per lo stesso richiedente procurarsi tali redditi per ragioni oggettive.

Solo verificate queste due condizioni preliminari, potrà stabilire l'importo del contributo modulandolo tenendo conto dei seguenti parametri:

Data: 19.03.2020
Autore: Avv. Andrea TOTÒ

Link alla sentenza: Cassazione civile, SS.UU., sentenza 11/07/2018 n. 18287

AVVERTENZE
I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato.
Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale con sedi in Roma o Milano.
Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.
©2003-2020 Separazione-divorzio.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3C Validato CSS Validato