separazione e divorzio / logo separazione e divorzio / scritta logo

Separazione-divorzio.com

Maternal preference: la preferenza per la madre nell'affidamento dei figli

Nel caso di genitori separati, siano essi stati coniugati o meno, si pone il problema della cosiddetta collocazione del figlio minore, ossia con quale dei due genitori il figlio dovrà andare ad abitare.

In tema di affidamento dei figli minori, una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione (14 settembre 2016, n. 18087) ha chiarito che, nel caso di affidamento dei figli minorenni - che siano in età prescolare o scolare - deve trovare applicazione il c.d. criterio della maternal preference.

Tale criterio individua nella madre il genitore con il quale i figli devono convivere prevalentemente.

Il principio trova fondamento nell'instaurazione da parte del figlio di un rapporto di stretta dipendenza fisica e materiale dalla madre, dal punto di vista delle esigenze primarie di vita.

A parere della Suprema Corte, la c.d. "maternal preference" troverà applicazione anche nel caso in cui il padre abbia dimostrato eccellenti capacità genitoriali nei confronti dei minori.

In base alla citata sentenza poi, il trasferimento della madre per esigenze lavorative in un'altra città, diversa da quella in cui vive l'altro genitore, può giustificare il collocamnete dei figli minori prevalentemente presso di lei, anche se questo può incidere negativamente sulla quotidianità dei rapporti con il genitore a cui non sono affidati.

Data: 09.01.2017
Autore: Avv. SILVIA CLEMENZI

<< Articoli e News
©2003-2017 Separazione-divorzio.com | Milano | Roma | Tutti i diritti riservati
Servizio a cura di StudioLegale-online.net | Informazioni legali | Privacy

W3C Validato CSS Validato